Con gli Occhi dello Chef

La colatura di alici di Cetara entra nel mondo delle DOP

Come si evince dal sito del Mipaaf la Denominazione di Origine Protetta è un nome che identifica un prodotto originario di un luogo, regione o, in casi eccezionali, di un determinato Paese, la cui qualità o le cui caratteristiche sono dovute essenzialmente o esclusivamente ad un particolare ambiente geografico ed ai suoi intrinseci fattori naturali e umani e le cui fasi di produzione si svolgono nella zona geografica delimitata. 

Cetara è un piccolo borgo marinaro situato all’interno del parco regionale dei Monti Lattari; si raggiunge percorrendo l’autostrada Napoli Salerno con uscita Vietri sul mare.

Il legame dei Cetaresi con il mare è indissolubile ed in questo angolo di Costiera Amalfitana che dai tempi degli antichi romani si produce “La Colatura di Alici”. Discendente del Garum, questo liquido è un prodotto ottenuto dalla macerazione delle alici messe sotto sale.

Un condimento dal gusto deciso ottimo per insaporire diversi preparazioni di cucina.

Il mio consiglio:

In un recipiente versare 1 cucchiaio di Colatura di Alici di Cetara, 4 cucchiai di Olio evo, aglio e prezzemolo tritato finemente e peperoncino. Cuocere 200 gr di Spaghettoni di Gragnano IGP 100% grano italiano facendo attenzione a non salare molto l’acqua di cottura. Scolare al dente e lontano dal fuoco saltare la pasta con il condimento a base di colatura. Servire gli Spaghettoni alla Colatura di Alici con una spolverata di taralli napoletani tritati.

Buon appetito

Michelangelo Rongo

Articolo creato 32

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto